Ricerca DNS

Scegli il tipo di record :

🚀 Hosting di siti Web ad alte prestazioni 🚀

Costruire un sito web è difficile. Fortunatamente, WP Engine ti ha coperto con tutto ciò di cui hai bisogno per costruire e gestire il tuo sito. Gestiranno anche tutte le cose tecniche in modo che tu possa concentrarti su ciò che conta davvero, assicurandoti che il tuo sito abbia un bell'aspetto e funzioni bene online.

Con i loro strumenti facili da usare, un team di supporto esperto e potenti funzionalità come velocità fulminea e robuste misure di sicurezza, non c'è motivo per non sceglierli per il tuo nuovo sito!

Parti ora e ricevi 3 mesi gratuiti utilizzando il coupon “WPE3FREE”. Ti abbiamo ottenuto quello sconto speciale essendo un partner affiliato di fiducia di WP Engine. ✨

Perché dovrei preoccuparmi del DNS?

Spesso trascurato, il termine "DNS" sta per "Domain Name System". Questa struttura di hardware e software decentralizzata mondialmente, immagazzina informazioni essenziali per ogni nome di domnio su Internet.

Grazie al DNS, creato nel 1983 da Paul Mockapetris, possiamo accedere a un sito internet ricordandoci il nome di dominio e l’URL composto da parole di senso compiuto, nonché creare ed utilizzare indirizzi email.

I dati che il gestore di dominio pubblica nel sistema DNS, vengono archiviati in formato di records DNS.

Procedura rapida

L'abbiamo reso abbastanza semplice. Inserisci il dominio o sottodominio che desideri cercare (ad es. "Developers.google.com") e concentrarti sui diversi tipi di record, utilizzando il menu a discesa. Basta premere "DIG" e avviare la ricerca!

Ricerca DNS

Chi custodisce i miei record DNS?

Quando acquisti un nome di dominio, dovresti innanzitutto verificare i NS (Name Server), cioè quei record che generalmente definiscono i diversi server in cui è archiviata una copia della tua zona DNS attiva. In molti casi, se non modifichi di proposito il NS predefinito, i valori puntano già ai server DNS del domain host che gestisce la tua zona DNS attiva. Se hai delle esigenze particolari e, ad esempio, vuoi che CloudFlare gestisca la tua zona DNS, dovrai sostituire i tuoi record NS con quelli forniti da CloudFlare, affinché i tuoi visitatori possano connettersi alla zona corretta.

Ma chi s'incarica dello stoccaggio dei tuoi record NS? I server root TLD sono una rete di computer dedicati a gestire i record NS di tutti i nomi di dominio in base all'estensione TLD (ad esempio .com, .net, .org, .tools, .de, ecc..). Inoltre, l'estensione TLD è anche la responsabile del TTL (Time-To-Live) dei records NS di un certo nome di dominio. Nel momento in cui i valori scadono nel server principale TLD (cioè il TTL finisce), sarà necessario interrogare il registrar del dominio per i nuovi valori.

Tutti i records della tua zona DNS hanno un TTL specifico. Questo valore TTL è molto importante in quanto definisce, di solito in secondi, la quantità di tempo durante la quale i valori dei record corrispondenti possono essere memorizzati nella cache, a diversi livelli del sistema DNS, come per esempio l'ISP, il server DNS personalizzato, il proxy locale o anche il browser dei tuoi visitatori. La risoluzione del DNS può richiedere molto tempo, il che invita molti ISP e providers di servizi DNS alla creazione di cache locali che contengano records già risolti del dominio. Di solito, questi indirizzi vengono recuperati dai server principali e da altri server dei nomi di dominio, già esistenti. Grazie a questa tecnologia, quando invii una richiesta per un URL, invece di ripetere la catena completa iniziale di ping pong DNS, il tuo browser otterrà queste informazioni di dominio più da vicino e più velocement.

Ottieni la miglior combinazione di prestazioni e affidabilità, specialmente se pianifichi eventuali aggiornamenti DNS.

Cosa sono i record DNS?

La zona DNS del tuo dominio è semplicemente una tabella di valori pubblici e un record DNS corrisponde a una linea della tabella, un valore. Non si tratta che di testo archiviato su molti server e grazie alla sua leggerezza, alimenta Internet.

Tipi di record DNS

Quando si tratta di risolvere i record DNS, la Ricerca DNS di G Suite.Tools ti permette di visualizzare informazioni complete sui vari tipi di record, come spiegato nelle sezioni seguenti.

Record NS:

I records del Name Server indicano quali server archiviano la zona DNS attiva, cioè quali sono i Name Server più autorevoli.

A record:

Gli A records restituiscono gli IPv4 a 32 bit. Comunemente usati per mappare i domini agli indirizzi IP del website, gli A records servono anche per le informazioni su spam e blacklists nonché per lo stoccaggio delle subnet masks. In linea generale, gli A records connettono un FQDN (Fully Qualified Domain Name) ad un indirizzo IPv4.

AAA records:

I records AAAA restituiscono un indirizzo IPv6 a 128 bit, la versione IPv6 analoga alla IPv4 degli A records.

CNAME records:

Il CNAME (Canonical NAME) funge da alias di un nome facendo si che la ricerca DNS di G Suite.Tools continui con il nuovo nome. Basicamente, il server dei nomi gestisce queste richieste diversamente rispetto ad un A record diretto.

MX records:

I record Mail Exchanger associano un nome di dominio a un elenco di MTA (Message Transfer Agents). Tali record MX sono necessari per qualsiasi ricezione e-mail. Ad esempio, se si dispone di un indirizzo e-mail come "mio nome@mio.dominio.com"è necessario almeno un record MX definito sull'host "mio.dominio.com" per iniziare a ricevere e-mail.

TXT records:

I record di testo sono pensati per i testi leggibile dall'uomo (parole di senso compiuto) presenti in un DNS. Tuttavia, questi tipi di record contiengono nella maggior parte dei casi informazioni leggibili dalle macchine (parole non di senso compiuto), come specificato in RFC 1464, crittografia opportunistica, Mittente, Framework delle policies o qualsiasi altro standard e tecnologia.

SOA records:

Gli SOA records (Start Of Authority) specificano informazioni importanti su una specifica zona DNS, incluso il server dei nomi principale, l'e-mail del dominio, l'amministratore, il numero seriale del dominio e diversi timer relativi all'aggiornamento della zona DNS.

PTR records:

Gli PTR records (records del puntatore) fungono da puntatore a un Canonical NOME. A differenza dei CNAME, in questo caso l'elaborazione DNS si interrompe e viene restituito solo il nome. Il suo uso più comune è l'implementazione di ricerche DNS inverse, ma può anche servire anche per DNS-SD.

HINFO Records:

I record HINFO specificano il tipo di CPU e il sistema operativo dell'host. Queste nformazioni possono essere utilizzate da protocolli applicativi come FTP, che usano procedure speciali durante la comunicazione tra un computer di una CPU riconosciuta e un altro di tipo OS.

SRV Records:

Gli SRV (records di servizio) vengono utilizzati per protocolli più recenti invece di riprodurre quelli specifici come MX o SPF.

NAPTR Records:

Gli NAPTRP records (Naming Authority PoinTeR) sostanzialmente consentono la riscrittura basata su RegExp dei nomi di dominio che possono quindi essere utilizzati come URI, ulteriori nomi di dominio, ricerche, ecc.

Suggerimenti

  • Usa WHOIS per scoprire il proprietario di qualsiasi dominio o IP.
  • Usa il Location Explorer per scoprire in quale città è realmente stoccato un sito Web.